Usa – Le aziende devono archiviare le email dei propri dipendenti

Sembra una bazzecola ma in realtà è tutto vero!

Secondo un emendamento della Corte Suprema statunitense, tutte le comunicazioni elettroniche che si svolgono in azienda dovranno essere archiviate. Obbligo della società stessa è la raccolta delle informazioni digitali che non possono essere rimosse o filtrate.
 Vengono coinvolti nella raccolta dati, tutti i messaggi di email e di messaggeria istantanea inviati e ricevuti dai dipendenti anche se per scopi personali. Perfino le fotografie digitali che sono presenti sui cellulari aziendali o su una qualsiasi memoria esterna posseduta dagli impiegati.

Ogni email è un’arma che può essere utilizzata legalmente contro chi le invia, e come primo provvedimento scatta il licenziamento in tronco!

Ecco alcuni esempi:

L’ex amministratore delegato della Boeing Harry Stonecipher –sposato da 50 anni – fu costretto a dimettersi quando venne alla luce una relazione con una collega. Le e-mail sessualmente esplicite inviate all’amante – tramite il sistema di posta elettronica aziendale – erano una prova imbarazzante.
L’ex analista della Merrill Lynch Henry Blodget faceva le lodi in pubblico di titoli azionari che nelle e-mail giudicava disastrosi, finendo per essere bandito per sempre dall’intermediazione titoli.

Un controllo a tappeto insomma!!

Consiglierei alle aziende di esportare pure una parte di cervello dei dipendenti appena escono per ritornare a casa non si sa mai si trovino memorizzate importanti informazioni aziendali!!

 

Fonti:Sole24Ore – corriere.it

 

 

Rispondi

Articoli correlati

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto